Notícia

Blog GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa (Itália)

Technological Trends in Gene Therapy / Tendenze tecnologiche nella terapia genica

Publicado em 10 fevereiro 2020

The global gene therapy market is expected to reach $13 billion by 2024 as new treatment options target cancers and other diseases.

Now, a team of scientists from Purdue University and other research institutions around the world have come together to better understand the growing number of worldwide patented innovations available for gene therapy treatment. They specifically focus on non-viral methods, which use synthetic or natural compounds or physical forces to deliver materials generally less toxic than their viral counterparts into the therapy treatments.

“The possibility of using non-viral vectors for gene therapy represents one of the most interesting and intriguing fields of gene therapy research,” said Marxa Figueiredo, an associate professor of basic medical sciences in Purdue’s College of Veterinary Medicine, who helped lead the research team and works with the Purdue Research Foundation Office of Technology Commercialization to patent her technologies related to health. “This is an innovative method for identifying the technological routes used by universities and companies across the world and uncovering emerging trends for different gene therapy sectors.”

The scientists used big data, patent and clinical data mining to identify technological trends for the gene therapy field. They envision that their analysis will help guide future developments for gene therapy.

This work brought together investigators from across the globe in a joint effort to use new databases and methods to better understand the trends of the gene therapy field in respect to non-viral vectors. Dimas Covas, coordinator of the Center for Cell-based Therapy, affiliated with the University of São Paulo in Brazil, lent his extensive experience in cell therapy. Aglaia Athanassiadou, Virginia Picanço-Castro and Figueiredo contributed their extensive experience on non-viral vectors for gene therapy. Cristiano Pereira and Geciane Porto brought their expertise in economics and business administration to the analyses. Each contribution was fundamental to achieving a new way to identify technological trends in this field.

“This work brought together investigators from very diverse disciplines to create a different perspective of the gene therapy field,” Figueiredo said. “Our groups continue to work individually or in collaboration to generate and patent new vectors to help fill the needs of this re-emerging field of non-viral gene therapy.”

ITALIANO

Si prevede che il mercato globale della terapia genica raggiungerà i 13 miliardi di dollari entro il 2024, poiché le nuove opzioni terapeutiche mirano a tumori e altre malattie.

Ora, un gruppo di scienziati della Purdue University e di altri istituti di ricerca in tutto il mondo si sono riuniti per comprendere meglio il numero crescente di innovazioni brevettate a livello mondiale disponibili per il trattamento della terapia genica. Si concentrano in particolare su metodi non virali, che utilizzano composti sintetici o naturali o forze fisiche per fornire materiali generalmente meno tossici rispetto alle loro controparti virali nei trattamenti terapeutici.

"La possibilità di utilizzare vettori non virali per la terapia genica rappresenta uno dei campi più interessanti e intriganti della ricerca sulla terapia genica", ha affermato Marxa Figueiredo, professore associato di scienze mediche di base presso il College of Veterinary Medicine di Purdue, che ha contribuito a condurre la ricerca collaborare e lavorare con l'Ufficio per la commercializzazione della tecnologia della Purdue Research Foundation per brevettare le sue tecnologie legate alla salute. "Questo è un metodo innovativo per identificare i percorsi tecnologici utilizzati da università e aziende in tutto il mondo e scoprire le tendenze emergenti per i diversi settori della terapia genica."

Gli scienziati hanno utilizzato il big data, il brevetto e il data mining clinico per identificare le tendenze tecnologiche nel campo della terapia genica. Immaginano che la loro analisi aiuterà a guidare gli sviluppi futuri della terapia genica.

Questo lavoro ha riunito ricercatori di tutto il mondo in uno sforzo congiunto per utilizzare nuovi database e metodi per comprendere meglio le tendenze del campo della terapia genica rispetto ai vettori non virali. Dimas Covas, coordinatore del Center for Cell-based Therapy, affiliato all'Università di San Paolo in Brasile, ha prestato la sua vasta esperienza nella terapia cellulare. Aglaia Athanassiadou, Virginia Picanço-Castro e Figueiredo hanno contribuito alla loro vasta esperienza in vettori non virali per la terapia genica. Cristiano Pereira e Geciane Porto hanno portato le loro competenze in economia e amministrazione aziendale alle analisi. Ogni contributo è stato fondamentale per raggiungere un nuovo modo di identificare le tendenze tecnologiche in questo campo.

"Questo lavoro ha riunito ricercatori di discipline molto diverse per creare una diversa prospettiva nel campo della terapia genica", ha detto Figueiredo. "I nostri gruppi continuano a lavorare individualmente o in collaborazione per generare e brevettare nuovi vettori per aiutare a soddisfare le esigenze di questo campo emergente della terapia genica non virale."

Da:

https://www.technologynetworks.com/biopharma/news/technological-trends-in-gene-therapy-330495?utm_campaign=NEWSLETTER_TN_Breaking%20Science%20News&utm_source=hs_email&utm_medium=email&utm_content=83116806&_hsenc=p2ANqtz-_54Mhs4h7AJWfBlohmOglLm--fWHErUUvLTLwvQt3xeaRg3wWdV4ka0lbQZNfGjqMvAtQakToDr6Xdl9c0voxddjutbhSTmFCS1v7Jechg7I6M01k&_hsmi=83116806

Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Giuseppe Cotellessa