Notícia

Il Mio Diabete (Itália)

Diabete tipo 2: I lipidi prodotti dall’organismo aiutano a controllare la glicemia

Publicado em 27 setembro 2019

Por Agência FAPESP

I livelli dello zucchero nel sangue nei topi obesi sono stati controllati in modo più efficiente quando i topi sono stati sfidati con un sovraccarico di glucosio e trattati con 12-HEPE, un lipide prodotto in risposta al freddo dal tessuto adiposo marrone.

Ricercatori con sede in Brasile, negli Stati Uniti e in Germania hanno scoperto che il 12-HEPE, un lipide prodotto in risposta al freddo dal tessuto adiposo marrone nel corpo umano, aiuta a ridurre la glicemia. I risultati dei loro esperimenti con i topi aprono la strada a nuovi trattamenti per il diabete.

Il gruppo ha anche osservato che un farmaco usato per trattare la disfunzione urinaria aumenta la quantità di 12-HEPE rilasciata nel flusso sanguigno nei pazienti umani.

Lo studio è pubblicato su Cell Metabolism. Il suo primo autore è Luiz Osório Leiria , ricercatore presso l’Istituto di biologia dell’Università di Campinas (IB-UNICAMP) nello stato di San Paolo, in Brasile.

La ricerca è stata condotta nell’ambito della sua borsa di studio post-dottorato presso la stessa Scuola di Scienze Mediche dell’Università (FCM-UNICAMP) durante uno stage di ricerca presso il Dr. Yu-Hua Tseng Lab al Joslin Diabetes Center, un’istituzione indipendente affiliata alla Harvard Medical School nel Stati Uniti, con il sostegno della Fondazione di ricerca di San Paolo – FAPESP e l’American Diabetes Association.

Attualmente, Leiria ha una borsa di ricerca del programma FAPESP Young Investigator Grants (YIG).

Il tessuto adiposo bianco, uno dei due tipi di tessuto adiposo nei mammiferi, compresi gli esseri umani, immagazzina energia in eccesso come grasso. L’altro tipo è il tessuto adiposo marrone, che converte l’energia dal cibo in calore e contribuisce alla regolazione termica. Il tessuto adiposo marrone produce diversi tipi di lipidi in risposta al freddo. Uno di questi lipidi è 12-HEPE, la cui funzione era sconosciuta fino a quando il gruppo non ha scoperto che lo zucchero nel sangue era ridotto in modo più efficiente nei topi obesi trattati con 12-HEPE rispetto ai topi non trattati dopo che gli era stata iniettata una soluzione concentrata di glucosio.

Secondo l’articolo pubblicato, l’effetto benefico del 12-HEPE sulla tolleranza al glucosio nei topi obesi era dovuto alla sua promozione dell’assorbimento del glucosio nel muscolo scheletrico e nel tessuto adiposo bruno.

Gli studi condotti con i pazienti hanno indicato un possibile ruolo fisiologico per 12-HEPE. I volontari erano divisi in tre gruppi: magri e sani, sovrappeso e obesi. Un’analisi dei campioni di sangue ha mostrato che il gruppo magro aveva più 12-HEPE nel sangue rispetto al gruppo in sovrappeso e molto più del gruppo obeso.

La spiegazione potrebbe essere che la percentuale di massa grassa marrone è più bassa negli individui obesi che negli individui magri. Inoltre, la mancanza di grasso bruno negli individui obesi può spiegare la loro obesità e persino il loro aumento del rischio di diabete.

I test in vitro con cellule umane hanno mostrato che il 12-HEPE ha aumentato l’assorbimento del glucosio da parte delle cellule adipose, suggerendo che il 12-HEPE contribuisce al processo di adattamento al freddo e alla possibilità che una drastica riduzione dei livelli dei lipidi nel flusso sanguigno di le persone obese possono spiegare, almeno in parte, il loro aumento di zucchero nel sangue.

La scoperta pone le basi per lo sviluppo di nuovi farmaci per combattere il diabete e possibili nuovi trattamenti con farmaci attualmente disponibili.

Durante lo studio, un altro gruppo di volontari magri sani ha ricevuto dosi di mirabegron, un farmaco che viene normalmente prescritto come farmaco per il trattamento di una sindrome urinaria nota come vescica iperattiva ma può anche attivare il tessuto adiposo bruno. Al gruppo di controllo è stato somministrato solo un placebo.

È stato riscontrato nei pazienti che hanno ricevuto il farmaco l’aumento dei livelli plasmatici di 12-HEPE. Ciò suggerisce che il farmaco potrebbe essere prescritto come trattamento per il diabete in futuro.

“Mirabegron ha diversi effetti, alcuni dei quali indesiderabili. Attiva il rilascio di vari altri lipidi e non ha come obiettivo specifico la riduzione del glucosio. Un lipide omega-3 come il 12-HEPE avrebbe un profilo tossicologico molto più desiderabile”, ha detto Leiria.

Ricercatori statunitensi stanno attualmente conducendo test per misurare gli effetti di dosi relativamente basse del farmaco sui livelli di zucchero nel sangue.

Il prossimo passo è determinare a quale recettore 12-HEPE si lega per promuovere l’assorbimento del glucosio, consentendo agli scienziati di sviluppare nuove molecole che stimolano il recettore in questione.